Scarica GRATIS la raccolta
completa con oltre 700 ricette!

IL CESTINO DEL PANE PER MTC S-COOL

Di VittoriaEccoci tutti a scuola! E’ Settembre e MTC ricomincia, ma è diventato una scuola fighissima e difficile. Bisogna studiare davvero e impegnarsi al massimo. Di nuovo tutti nei banchi ad ascoltare con attenzione le Prof, a studiare dispense, a provare …a sbagliare anche!Si comincia dal cestino del pane perchè il pane in tavola c’è sempre, ad accompagnare ed esaltare i cibi in armonia. E proprio questo abbiamo dovuto fare! Inventare un menù con un tema ben definito e creare un cestino di pani che accompagnasse tutto il pranzo, composto da almeno un tipo di pane per ognuna delle 4 categorie proposte: Biove, Panini, Focaccia e Grissini/CrackersPassiamo subito ai fatti perchè la strada è lunga e le ricette tanteIl menù che ho scelto è naturalmente legato alla mia terra, la Liguria, ai prodotti di questa stagione autunnale, con le verdure dell’orto e del bosco e le erbe profumate in primo piano. Complessivamente tutte le portate hanno consistenze morbide e croccanti, sapori prevalentemente dolci e aromi di terra, erbe e bosco. ho voluto accompagnare questi piatti con pani morbidi che raccogliessero i condimenti, croccanti che compensassero la morbidezza delle verdure. La nota amarognola del cioccolato a contrastare la decisa dolcezza del ripieno degli stecchi e della farina di castagne, la rusticità della farina integrale e dell’avena a completare un menù dei campi e dei boschi.BOSCO AUTUNNALE DI LIGURIAantipasto le verdure ripiene alla ligure – zucchini, melanzanine, cipolle, pomodorile panissette fritte con il lardoprimoTrenette di castagne con pesto, fagiolini e patatesecondoStecchi tradizionali con l’ostia Gratin di funghi porcini e tuorlo d’uovo crudodolceTorta della nonna nel bicchiereAmaretto di Sassello e sciacchetràE ora piano piano le ricetteIL BIOVE (come da dispensa – originale da Pane e roba dolce – Sorelle Simili – Vallardi ed.)Per 8 panini 500 g di farina 0280 ml di acqua20 g di strutto 10 g di lievito di birra fresco10 g di malto8 g di sale Setacciate la farina sulla spianatoia, fate il buco nel centro e mettete il sale sul bordo da un lato. Sciogliete il lievito nell’acqua e versatela al centro. Cominciate a impastare raccogliendo via via la farina dai bordi; unite il sale, lo strutto e il malto, continuando a incorporare altra farina fino a quando non avrete ottenuto una pastella abbastanza consistente quindi coprite tutto con la farina della fontana. Aiutandovi con la raschia sollevate parte della pastella e premetela sulla cima. Proseguite in questo modo lungo tutto il perimetro della fontana, in modo da fare assorbire l’acqua dalla farina.A questo punto cominciate a impastare con le mani; dovrete ottenere un impasto morbido, ma non appiccicoso. Lavorate e battete la pasta con forza sul piano di lavoro per 8-10 minuti, poi formate la palla, copritela a campana con una ciotola e fate riposare per 20 minuti.Dividete l’impasto in quattro e lavorate uno alla volta tenendo gli altri coperti. Stendete il pezzo in un rettangolo, arrotolate strettamente dal lato lungo ottenendo un salsicciotto lungo circa 35 cm.Stendetelo in un rettangolo molto lungo e sottile (3-4 mm di spessore), lungo 1 m e largo 5 cm circa. A mano a mano che stendete l’impasto, arrotolatelo come se fosse una garza. Ripetete per gli altri 3 pezzi e otterrete quattro rotoli.Infarinate abbondantemente un canovaccio pulitissimo. Appoggiate sul piano di lavoro un supporto – può essere un pacco di zucchero. Copritelo con un lembo del canovaccio infarinato, che stenderete sul piano di lavoro dal lato lungo. Adagiate sul canovaccio un rotolo di impasto, tenendo la falda sotto e appoggiando la chiocciola contro il lato dove c’è il supporto. Sollevate un lembo di tessuto dall’altra parte della chiocciola creando un divisorio. Appoggiate la chiocciola del secondo rotolo di pasta contro il divisorio di tessuto infarinato, sollevate il canovaccio all’altezza della seconda chiocciola e appoggiateci contro il secondo supporto. Questa disposizione consentirà di dare all’impasto una spinta anche in verticale, in fase di lievitazione.Ripetete per gli altri due rotoli.Coprite gli impasti con l’altro canovaccio e fate lievitare, al riparo da correnti d’aria, per 30-40 minuti. Preriscaldate il forno a 200 °C in modalità statica. Prendete delicatamente i rotoli di impasto e tagliateli a metà per il lungo (la chiocciola dovrà risultare divisa a metà) aiutandovi con la raschia o con un coltello a lama liscia. Sistemate i pani su una teglia con il taglio rivolto verso l’alto e incidetelo ulteriormente con una lametta per 1 cm di profondità.Infornate il pane e fatelo cuocere per 25-30 minuti.Estraetelo dal forno e bussate con le nocche sul fondo: se suona vuoto è cotto, altrimenti rimettetelo in forno, abbassate la temperatura di 10 °C e rimettetelo in forno fino a cottura ultimata. Fatelo raffreddare su una gratella prima di servirlo.—————————————————————————————–Bocconcini morbidi al latte con semi vari(ricetta dei panini da hamburger, dispensa)Per circa 22 panini mignon200 g di farina manitoba200 g di farina 0200 ml di latte tiepido12 g di lievito di birra25 g di burro1 uovo per l’impasto e 1 per spennellare1 cucchiaino di sale1 cucchiaio di semi di sesamo1 cucchiaio di mix di semi (zucca, girasole, lino, chia, canapa, sesamo)Impastate tutti gli ingredienti fino a formare un composto morbido che dovrà lievitare due ore. Trascorso questo tempo sgonfiate la pasta lievitata e impastate di nuovo.Formate delle palline di circa 30 g l’una e mettetele in una teglia ricoperta di carta da forno. Spennellate la superficie con un uovo sbattuto e aggiungete i semi. Lasciate lievitare per un’altra ora, poi mettete in forno a 200 °C per circa 15-18 minuti, aggiungendo nel forno un pentolino d’acqua.—————————————————————————————–I Cazzotti di semola rimacinata di grano duro – bocconcini(come da dispensa – originale da Cindystar blog)250 g di farina 0 forte250 g di semola rimacinata di grano duro3 g di lievito di birra1 cucchiaino di sale350 ml di acqua1 o 2 cucchiai di olioSciogliete il lievito in due dita di acqua. In una bacinella grande mescolate la farina con il sale e l’olio, aggiungete tutta l’acqua e quella con il lievito e mescolate velocemente con una forchetta.Coprite con della pellicola lasciate questo impasto grezzo e appiccicoso a riposare per circa 12 ore a temperatura ambiente (in inverno ne serviranno 18/20)Dopo il riposo l’impasto si sarà alzato e riempito di bolle. Rovesciatelo su un piano di lavoro infarinato e spolveratelo di farina.Con una spatola dividete l’impasto in 12/14 pezzi e procedete alle 3 o 4 pieghe per ogni singolo pezzo: prendere un lembo di impasto, allungatelo verso l’esterno e poi ripiegatelo al centro, prendete un lembo opposto di impasto, tiratelo e ripiegatelo al centro, e fate lo stesso con un altro o un paio se ci si riesce.Disponete un canovaccio pulito su un vassoio o sul piano di lavoro, spolverate con farina o semola rimacinata e mettete ogni panino con la parte delle pieghe a contatto del canovaccio (lo si prende con la spatola e lo si ribalta sul canovaccio). Spolverate ogni panino con della semola, coprite con un altro canovaccio e lasciate riposare un paio di ore.Scaldate bene il forno e la leccarda a 230°C. Velocemente ribaltate ogni panino sulla teglia calda in modo che le pieghe ritornino sopra e cuocete i panini per circa 15-20 minuti, poi abbassate il forno a 210°, disponete i panini sulla griglia e cuocete ancora 5 minuti. —————————————————————————————–La Focaccia integrale con pomodori secchi e rosmarino(Da dispensa – Focaccia ricetta base)dose per tutte e due i tipi di focaccia600 g di farina integrale Viva340 g di acqua8 g di malto d’orzo48 g olio extravergine6 g lievito di birra fresco8 g di saleIn un ciotola mettete l’acqua, il malto e il lievito e sciogliete bene, poi aggiungete l’olio d’oliva ed amalgamate con una frusta. Aggiungete la metà abbondante della farina e amalgamate ai liquidi velocemente con una forchetta. Aggiungete il sale ed incorporate. Versate la restante farina e aiutandovi con una spatola, con cui fate dei tagli idratate incorporando la farina.Appena la farina sarà incorporata (serviranno pochi minuti, rovesciate l’impasto su un piano non infarinato. Massaggiate l’impasto facendo pressione con il polso della mano, basta in tre punti in orizzontale, poi rovesciate l’impasto chiudendolo su se stesso aiutandovi con la spatola. Fate questo passaggio altre due volte. Dopo la terza volta vi accorgerete che l’impasto inizia ad avere un po’ di elasticità (premendo con un polpastrello non rimarrà la fossetta ma l’impasto tende a rialzarsi) vi dovete fermare. Adesso date all’impasto una forma leggermente ovale e con la mano iniziate ad arrotolarlo dall’alto in basso dando una leggera pressione. Ruotate l’impasto appiattitelo leggermente, quel tanto da renderlo un po’ ovale e ripiegatelo su se stesso fino a chiuderlo bene. Chiudete sotto anche i lati del rotolo con i palmi delle mani, creando un impasto a palla. Trasferite l’impasto in una ciotola leggermente infarinata e coprite con pellicola e mettete a lievitare per un ora. Dopo un ora rovesciate l’impasto lievitato sul piano di lavoro leggermente infarinato. Con delicatezza con i polpastrelli picchiettate tutto l’impasto, si formeranno tante fossette. Arrotolate l’impasto su se stesso partendo dall’alto e chiudendolo senza stringere. Trasferite l’impasto nella ciotola, con la chiusura in basso e fatelo lievitare coperto per un ora.Ripetete questa ossigenazione della pasta per altre due volte a distanza di un ora. Prima della terza ossigenazione dividete l’impasto per le 2 teglie che userete. Mettete 2/3 dell’impasto in una teglia 30×40 e il resto in una teglia più piccola da 25×30 per la seconda focaccia, sottile e croccante.Trascorsa un ora dalla terza ossigenazione l’impasto è pronto per essere messo nelle teglie. Ungete bene con olio le teglie e rovesciate con attenzione l’impasto nella teglia. Con i polpastrelli picchiettate tutto l’impasto, partendo dal centro verso i quattro angoli della teglia, premendo solamente senza allargare. La pasta un po’ alla volta si allargherà. Quando si sarà già abbastanza allargata è il momento di girarla. Con attenzione appoggiare un lembo dell’impasto sull’avambraccio e alzandolo con l’impasto ruotate la pasta. Riprendete a picchiettare la pasta, se vi sembra che non si allarghi non tiratela e lasciatela riposare 10 minuti poi riuscirete a stenderla bene. Coprite e fatela riposare per 30 minuti.Farcitura:4 pomodori secchi tagliati a dadini e ammollati in acqua calda per un’ora2 rametti di rosmarino fresco, le cimetteolio extravergine di olivasale Scolate e asciugate i pezzetti di pomodoro secco.Distribuite pomodoro e rosmarino sulla superficie facendo leggermente affondare. Dopo averla farcita irrorate la focaccia con un emulsione di 3 cucchiai d’olio e 3 cucchiai d’acqua con un po’ di sale. Coprite e mettete a lievitare per un’oraCuocete in forno a 250 °C per 13 minuti circa. Appena cotta spennellatela con l’olio e poi spostatela dalla teglia e mettetela su una griglia.————————————————————————————————————————–La Focaccia integrale sottile e croccante con olio piccante e fiori di basilicoImpasto e procedimento come la precedente. L’impasto deve essere steso molto più sottile.Farcitura della focaccia croccante:2-3 cucchiai di olio piccante fiori di basilicoolio extravergine di olivasalespennellate abbondantemente la superficie della focaccia di olio piccante, poi distribuite i fiori di basilico premendo un poco per farli penetrare leggermente nell’impasto.Dopo averla farcita irrorate la focaccia con un emulsione di 3 cucchiai d’olio e 3 cucchiai d’acqua con un po’ di sale. Coprite e mettete a lievitare per un’oraCuocete in forno a 250 °C per 10 minuti circa. Appena cotta spennellatela con l’olio e poi spostatela dalla teglia e mettetela su una griglia.—————————————————————————————–I Grissini con farina di castagne e pezzetti di cioccolato amaro 99%(da dispensa)150 g di farina 0 100 g di farina di castagne120 ml di acqua 30 g di olio extra vergine d’oliva 8 g di sale 5 g di lievito di birra 30 g di cioccolato amaro 99% di cacaoProcedimento Setacciate le farine su un piano da lavoro, fate la fontana, aggiungete l’acqua in cui si è sciolto il lievito di birra, l’olio e su un lato, sopra la farina, il sale. Impastate fino ad ottenere una massa morbida, che si stacchi facilmente dalle mani. Trasferite in una ciotola, coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio.Ribaltate l’impasto sul piano da lavoro, appiattitelo delicatamente senza sgonfiarlo troppo, aggiungete il cioccolato tritato grossolanamente e impastate per distribuirlo uniformemente. Trasferite nella ciotola e fate lievitare fino al raddoppio. Ribaltate l’impasto sul piano da lavoro, appiattitelo delicatamente senza sgonfiarlo e con una spatola ricavate dei tronchetti. Rotolate e contemporaneamente allungate la pasta spolverando con della farina, facendo attenzione a non lavorarla eccessivamente. Trasferite nella teglia rivestita di carta da forno. Infornate a 200° e cuocete per 10 minuti, fino ad ottenere una doratura uniforme. Togliete dalla teglia e lasciate raffreddare completamente. Riponete in un contenitore a chiusura ermetica.—————————————————————————————– I Crackers con avena e sale grosso(da dispensa)120 g di farina 0130 g di farina di avena50 ml di vino bianco secco75 ml di acqua30 g di olio extra vergine d’oliva8 g di sale5 g di lievito di birra1 pugno di fiocchi di avena1 cucchiaio di fiocchi di avenaolio extravergine di olivafiocchi di sale o sale grossoProcedimentoSetacciate le farine su un piano da lavoro, fate la fontana, aggiungere l’acqua in cui si è sciolto il lievito di birra, l’olio e su un lato, sopra la farina, il sale. Impastate fino ad ottenere una massa morbida, che si stacchi facilmente dalle mani. Trasferite in una ciotola, coprite e lasciat lievitare fino al raddoppio.Ribaltate l’impasto sul piano da lavoro, appiattitelo delicatamente senza sgonfiarlo troppo, aggiungete i fiocchi di avena e impastate per distribuirli uniformemente. Trasferite nella ciotola e fate lievitare fino al raddoppio.Ribaltate l’impasto sul piano da lavoro, appiattitelo e poi stendetelo fino ad ottenere una sfoglia molto sottile.E’ possibile anche staccare un pezzo alla volta di 100 g circa e stenderlo con la macchina per la pasta. Fate un’emulsione con 50 g di olio e 50 ml di acqua e spennellate la sfoglia; spolverizzate con i fiocchi da avena e il sale.Formate i crackers con una rotella dentellata o con un coppapasta e bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta. Trasferite nella teglia rivestita di carta da forno.Infornate a 200° e cuocere per 10 minuti, fino ad ottenere una doratura uniforme.Togliete dalla teglia e lasciate raffreddare completamente. Riponete in un contenitore a chiusura ermeticaCon queste ricette partecipo a MTC S-COOL – Lezione n.1 Il Cestino del Pane

Charlotte alla frutta

Un dolce delizioso che ho copiato, con qualche piccola modifica assecondando i miei gusti, da La Cuoca dentro.Un dolce fresco e bello da vedere, con la frutta ci si può sbizzarrire a seconda del proprio gusto, io ho usato lamponi, ciliegie, pesche noci e ciliegie sciroppate che ho portato dalla Grecia, non troppo dolci, piacevoli al palatoCharlotte alla fruttaPer il Biscotto ricetta di Luca Montersino:135 g di albumi125 g di zucchero semolato90 g di tuorli125 g di farina 00una bacca di vanigliaPer la bavarese400 g di latte intero4 tuorliun cucchiaio colmo di maizena260 g di zucchero12 g di gelatina in fogli300 g di panna montatalamponi e ciliegie sciroppate vanigliabagna per dolci al rum per decorarefrutta a piacere: pesche noci, ciliegie, lamponiMontare gli albumi con lo zucchero fino ad ottenere una massa spumosa e compatta. Unire i tuorli sbattuti a parte. Quindi aggiungere a piccole dosi la farina setacciata mescolando dal basso verso l’alto. Rivestire la leccarda con carta forno, fissatela con poco burro per evitare che si sposti. Trasferite il composto in una sac a poche con beccuccio tondo e liscio. Partendo da un angolo, formate tante strisce trasversali una accanto all’altra.Cuocete in forno a 180° per 10/12 minuti, sfornare il biscotto ed eliminare la carta forno, avvolgere nella pellicolaPoggiate un anello in acciaio di 22 cm di diametro nel piatto da portata, fare aderire lungo i bordi una striscia di acetato.Ritagliare lungo i bordi del biscotto 2 strisce alte 6 cm, inserirle, con la parte scanalata rivolta verso l’esterno, lungo i bordi dell’anello.Con il restante biscotto ricavare la parte che andrà poggiata  sul fondo del piatto. Con un pennello imbevuto nella bagna al rum, bagnare sia i bordi che la base della charlotte senza esagerare ma in modo che resti morbidaCrema: Portate a bollore il latte con la vaniglia. Mescolare i tuorli con maizena e zucchero, unire il latte bollente. Riportare sul fornello e fare addensare la crema.Unire la colla di pesce, ben strizzata,  precedentemente ammollata in acqua fredda. Fare raffreddare la crema a 30°.Semimontare la panna ed unirla alla crema fredda, unire i lamponi a pezzetti e le ciliegie sciroppate.Versare la crema nell’anello e livellare il composto con l’aiuto di una spatolina.Trasferire in frigo a rassodare per 6 ore. Nadia 

I MIEI ACCIUGABURGER PER IL CLUB DEL 27

di VittoriaIn estate impazza la voglia di stare all’aperto, spesso insieme agli amici o familiari con cui dividere momenti spensierati o vacanze. Appena cala il sole e l’afa si attenua cosa c’è di meglio che accendere un barbecue e preparare tutti insieme dei succosi hamburger? Impazza l’hamburger mania e noi del Club del 27, oggi rispolveriamo per voi la fantastica sfida sugli hamburgerdalla penna di Mai Esteve #quelgrangeniodellaMai Non volete il solito hamburger? Guardate quante nuove proposte oggi qui su MTChallengeIo vi propongo la mia versione di Hamburger di acciughe al 100% creato da Cristina Galliti del blog Poverimabelliebuoni. Lei è un’autorità in materia e una vera garanzia di professionalità e competenza quando si parla di pesce. La ringrazio qui pubblicamente per avermi fatto scoprire questo nuovo modo di gustare le acciughe, veramente originale e squisito, apprezzatissimo anche da tutta la famiglia.ACCIUGABURGER ho seguito la ricetta di Cristina, tranne qualche piccolo cambiamento, soprattutto nei tempi e modi di lievitazione.Per me burger di acciughe rigorosamente liguri con olive taggiasche e origano a metri zero, buns alle acciughe liguri sottosale home made e limoni del giardino di casa, insalatina e salsa con verdure del mio spacciatore preferito (con orto), olio sardo fornito da un nipote.Se fate anche i panini, e ve lo consiglio caldamente, il lavoro si allunga un po’, ma potete anche farli il giorno prima, scaldandoli poi sulla piastra o in forno.Anche i burger di acciuga possono essere fatti in anticipo e conservati in freezer per qualche tempo, visto che le acciughe vanno comunque abbattute in freezer per almeno 96 ore!Buns all’acciuga salata e buccia di limoneper 4 buns da 10 cm di diametro circa250 g di farina forte tipo 0130 ml di latte a temperatura ambiente25 g di strutto10 g di zucchero2 g di lievito di birra secco o 4 g fresco1 cucchiaino di miele1 limone bio grande, la scorza grattugiata fine6 acciughe liguri sotto sale (le mie non sono molto grandi)sale NO, ci sono le acciughe1 uovo sbattuto+ semi di sesamo per guarnireSciogliete il lievito nel latte con il miele e fate riposare 10 minuti.Dissalate e pulite le acciughe e tritate fini i filetti.Fate la fontana con la farina setacciata, versate il latte e fatelo assorbire. aggiungete poi lo strutto morbido, lo zucchero, le acciughe e la scorza di limone. Impastate fino ad ottenere un composto liscio, omogeneo ed elastico. Mettete l’impasto in una ciotola infarinata, coprite e fate lievitare in un posto caldo per circa 2 ore o fino al raddoppio.Rovesciate l’impasto sul tavolo infarinato, sgonfiatelo appiattendolo, dividetelo in 4 pezzi, formate 4 palline ben chiuse e mettetele sulla lastra da forno schiacciandole leggermente. Scaldate il forno a 30 gradi poi spegnetelo, mettete dentro i panini e lasciate lievitare un’ora circa. Tirateli fuori dal forno e scaldatelo a 180 gradi.Spennellate i buns con l’uovo sbattuto e salato, cospargete la superficie di semi di sesamo e infornate a forno caldo fino a doratura, circa 20/25 minuti.Fate raffreddare su una gratella. Potete conservarli qualche giorno chiusi in un sacchetto di cellophane, passandoli in forno caldo per pochi minuti o tostandoli sulla piastra tagliati a metà prima di usarli.Burger di acciughe frescheper 4 burger da 120 g l’uno550 g di acciughe freschissime, 400 g peso netto dopo averle pulite, sfilettate e sottoposte a congelamento preventivo a -18°C per 96 ore, se si ipotizza una cottura con temperatura al cuore inferiore ai 60°C, vedi prassi per il consumo di pesce crudo1 cucchiaio abbondante di olive taggiasche snocciolate, in salamoia1 manciata di foglie di prezzemolo1 cucchiaio di foglioline di origano fresco1 punta di spicchio di aglio1 cucchiaio scarso di olio extravergine di oliva1 cucchiaio di pangrattato1 albumesaleTritate molto finemente le erbe e il pezzetto di aglio con il pangrattatoTritate grossolanamente con il coltello le acciughe scongelate e asciugate e le olive.Amalgamate tutti gli ingredienti legandoli con l’albume ed eventualmente poco altro pangrattato.Salate con moderazione, le olive sono già sapide.Formate gli hamburger aiutandovi con un coppapasta da 9 cm. Se li avete, utilizzate l’attrezzo e le apposite cartine per hamburger che devono risultare circa 120 g e 1,5 cm di spessore.Teneteli in frigo fino al momento di cuocerli.Nota: invece di congelare le acciughe appena pulite, ho preparato subito gli hamburger e li ho poi congelati già formatiMaionese di pomodoro(pseudo maionese, per l’assenza di uovo)6-8 pomodorini ciliegia maturi e sodisale50-60 ml di olio extravergine di oliva delicato (o metà olio extravergine e metà olio di mais)1 cucchiaino raso di lecitina di soia la punta di un cucchiaino di gomma di guar o xantano in polvere acqua molto fredda, eventualmenteTagliare a pezzetti i pomodorini lavati e asciugati e metterli nel bicchiere del frullatore a immersione con la lecitina, poco sale e la gomma di guar.Frullate facendo colare l’olio a filo e vedrete la salsa addensarsi e montare come la maionese. Se risultasse troppo collosa, o tendesse a separarsi, aggiungete poca acqua gelata frullando e tornerà liscia e vellutata.Nota: per ottenere la consistenza giusta senza utilizzare lecitina (emulsionante) e gomma di guar o xantano (addensanti a freddo) bisognerebbe utilizzare troppo olio e la salsa risulterebbe molto unta e indigesta.Chips di ravanelli20 ravanelli bioolio extravergine di olivasaleAccendete il forno a 150°CAffettate finemente i ravanelli ben puliti.Condite le fettine di ravanello con olio e sale mescolando accuratamente perchè si rivestano bene di condimento, poi allineatele in una teglia rivestita di carta da forno e cuocetele per 40 minuti, finchè saranno leggermente dorate.Passatele sotto il grill a 200°C per 5 minuti per renderle croccanti.Fate raffreddare prima di raccoglierle in una ciotolaSedano croccante2-3 gambi di sedano teneri pulitighiaccioTagliare il sedano a julienne finissima e immergere i filetti in acqua ghiacciata per almeno 1 ora finchè si arricceranno.Scolarli e asciugarli prima di metterli nell’insalatina.Insalatina aromaticaInsalatina misticanza rossa e verdepomodorini ciliegia a quartinijulienne di sedano croccantebasilico, origano, timo limone, menta, erba cipollinasaleaceto di meleolio extravergine di olivaComporre l’insalatina mista e condire solo al momento di servire.E ora finalmente………..Cottura e composizione dell’hamburgerSe avete congelato gli hamburger già pronti, tirateli fuori dal freezer un’ora prima di cuocerli.Tagliate i panini a metà e passateli in padella per tostarli leggermente.Intanto scaldate bene un’altra padella antiaderente e cuocete gli hamburger 30-40 secondi per lato per una cottura parziale, con il cuore ancora semicrudo.Se li volete ben cotti aumentate il tempo a 1,5 minuti per lato, sarà leggermente asciutto, aumentate la salsa.Mettete poca salsa sulla base di pane, qualche foglia di insalatina, l’hamburger ben caldo, altre fogliette di insalata, qualche pezzetto di sedano e qualche filo di erba cipollina, un cucchiaio di salsa e chiudete con il cappello di pane.Servite gli hamburger accompagnati dall’insalatina, da altra salsa e dalle chips di ravanello.E no resta che mangiare in compagnia, accompagnandoli da un buon vino bianco, suggerirei un vermentino ben fresco!Eccoli pronti per gli amici affamati